Home Service Service Locali La collaborazione con il gruppo di teatro dialettale AMI di Tromello
La collaborazione con il gruppo di teatro dialettale AMI di Tromello Stampa E-mail
Martedì 04 Dicembre 2012 07:31
La compagnia Teatrale AMI di Tromello a fianco del Rotary Club Cairoli in un percorso condiviso di volontariato e solidarietà ha permesso di raggiungere risultati importanti nell’ambito di service locali ed internazionali rotariani, fungendo da motore propulsivo nella promozione e rilancio della cultura popolare locale contribuendo alla salvaguardia del dialetto lomellino come patrimonio culturale.

L’AMI nasce nel 1960, quasi per gioco, da due ragazzi coscritti che avevano l’hobby di calcare le scene: Alfio Castiglione e Carlo Grigioni.
L’inizio e le prime esperienze sono avvenute con il teatro oratoriale in lingua, ma poi è scattata l’idea del dialetto, quindi dall’oratorio si è passati al Nautilus, il teatro di Tromello.
Lo stimolo per continuare è stata la passione per il teatro dialettale che ripropone una tradizione locale nella ricerca di un linguaggio in cui tutti i lomellini si edintificano.
Nelle opere messe in scena vengono riproposti personaggi tipici della lomellina, tutti studiati con attenzione.
Nel corso della carriera l’AMI ha coinvolto più di 50 persone tra attori e collaboratori.
Oggi si contano circa 20 componenti. In tutti questi anni di attività il gruppo teatrale di Tromello ha recitato le proprie opere e commedie nei luoghi più disparati: discoteche, balere, teatri e piazze.
L’AMI ha saputo ritagliarsi degli spazi importanti nell’ambito del teatro amatoriale dialettale, sia a livello locale sia a livello nazionale. Invitati per ben tre volte alla Rassegna Nazionale di Teatro Amatoriale Nini Sappia di Sanremo, ha fatto man bassa dei premi: Miglior Attore, Miglior Commedia, Miglior Attore giovane, Miglior Attore Caratterista.
Da alcuni anni emittenti come Telelombardia, Antenna tre, Canale sei, e Canale sky 901, mandano in onda le riprese televisive dell’equipe del Dott. Marco Strigazzi, dei successi delle stagioni teatrali passate, consentendo al Gruppo ampia visibilità con inviti anche in Canton Ticino.

Ecco le tappe con il Rotary Club Cairoli:
Novembre 2004 il Rotary Club Cairoli, presieduto da Antonio GAGGIANESI, per l’anno del centenario della fondazione del Rotary Inernational, presenta al Civico Teatro Cagnoni di Vigevano una serata di Teatro dialettale dal titolo “La vila ad l’urganista” noir lomellino in due tempi di Alfio Castiglione, il cui ricavato è stato devoluto al Programma Rotariano PolioPlus, eradicazione della poliomielite nel mondo, offrendo un contributo concreto alla battaglia contro la polio.
All’evento hanno partecipato anche i Rotary Club del Gruppo Lomellina, ovvero il Rotary Club Abbiategrasso, il Rotary Club Binasco, il Rotary Club Lomellina, il Rotary Club Vigevano-Mortara.

Febbraio 2007 il Rotary Club Cairoli, presieduto da Antonio ONGARO, presenta al Teatro Martinetti di Garlasco la serata di teatro dialettale Patrocinata dal Comune di Garlasco, la commedia “La vus a dla nosa gent”, offrendo al pubblico una buona e divertente occasione per contribuire alla lotta per l’eradicazione della poliomielite nel mondo.
Infatti anche il il ricavato di questa serata e stato devoluto al Programma Rotariano PolioPlus.

Maggio 2008 il Rotary Club Cairoli, presieduto da Lorenzo BOSI presenta al Teatro Martinetti di Garlasco la commedia
Al treno di ses e des” Giallo ferroviario lomellino di Alfio Castiglione.
Il ricavato è stato totalmente devoluto alla città di Garlasco, quale contributo per terminare i lavori di restauro del teatro
Martinetti.

Giugno 2008 l’AMI riceve dal Rotary Club Cairoli presieduto da Lorenzo BOSI, la Paul Harris Fellow per essersi prestati, con le loro rappresentazioni teatrali, al perseguimento dei service rotariani.

Ottobre 2012 il Rotary Club Cairoli, presieduto da Rossella BURATTI, presenta la commedia “La duminca di don gras”, giallo-noir in due tempi di Alfio Castiglione, con la partecipazione dei Rotary Club del Gruppo Lomellina: Rotary Club Vigevano MortaraRotary Club della LomellinaRotary Club Mede Aureum, con il patrocinio del Comune di Garlasco.
Il ricavato del service è andato in favore del Telesoccorso con l'obbiettivo di acquistare degli apparati di telesoccorso da consegnare a persone e che non siano già assistite e che quindi necessitino di una assistenza in caso di problemi quando si trovano da sole. Gli apparati di telesoccorso consegnati saranno sotto la gestione della Croce Rossa e della sua centrale di telesoccorso e saranno in grado di fornire altre all'assistenza sanitaria anche un servizio (se richiesto) di chiamata mensile o di fornire assistenza anche per problemi quali ad esempio un tentativo di furto o problema domestico.

Aprile 2014  il Rorary Club Cairoli, presieduto da Paolo ROSSI presenta al Teatro Odeon di Vigevano con il patrocinio del Comune di Vigevano, una commedia dialettale dal titolo “Un scartos ad budé d.o.c.” di Alfio Castiglione. L’intento del Club è la promozione e la divulgazione della cultura popolare e del dialetto lomellino attraverso la commedia teatrale, ha sostegno di situazioni di disagio sociae. L’evento avrà una finalità benefica, in quanto il ricavato della serata sarà devoluto totalmente al progetto rotariano “IN…SEGNANDO”, Lboratorio propedeutico  di avvicinamento alla cultura sorda ed insegnamento dei primi rudimenti LIS (Lingua Italiana dei Segni), che Il Rotary Club Cairoli, ha attivato presso l'Istituto paritario San Giuseppe di Vigevano, per il secondo anno consecutivo ed in continuita' con il progetto iniziato nell'anno scolastico 2012/2013.  

 
Joomla Design By Ing. Paolo Rossi